dal 1999

Recensione : Gustaf – Audio Drag For Ego Slobs

La "città che non dorme mai" ci ricorda che non si è mai troppo vecchi per essere lo-fi. GUSTAF – AUDIO DRAG FOR EGO SLOBS

GUSTAF – AUDIO DRAG FOR EGO SLOBS

Gustaf – Audio Drag For Ego Slobs

Altro giro, altro debutto: questa volta è la Grande Mela a sputare fuori una quasi (a eccezione del chitarrista Vram Kherlopian) all-female band, i (o le?) Gustaf, anno di nascita 2018, fisicamente di stanza a New York, con cuore e mente rivolti a sonorità che hanno ormai quaranta anni sul groppone, ma con una grande etica del lavoro: i nostri (oltre al già menzionato chitarrista, la line up presenta ben quattro ragazze: la grintosa frontwoman Lydia Gammill e poi Tine Hill al basso, Melissa Lucciola alla batteria e Tarra Thiessen alle percussioni e seconda voce) si sono fatti il mazzo in giro per i locali di NYC, con un discreto numero di energici concerti alle spalle e un passaparola capace di farli arrivare sulla bocca di gente come Beck e James Chance, che hanno dispensato apprezzamenti nei loro confronti.

Audio drag for ego slobs“, uscito su Royal Mountain Records (e già preceduto dai singoli “Mine“, “Book“, “Best Behavior” e “The Motions” nei mesi scorsi) è l’esordio di questo quintetto che deve tanto alle ritmiche sghembe e destrutturate del post-punk inglese di fine anni Settanta, in cui sono ben riconoscibili echi di Raincoats, Slits, Delta 5 e compagnia, ma guarda anche all’art-punk concittadino: basti ascoltare “Best Behavior” o la conclusiva “Happy“, con un feeling alla Talking Heads, oppure le pennellate chitarristiche spezzettate che gridano Television nel brano “Dream“.

Ma se nelle succitate band la componente concettuale e socio-politica era abbastanza marcata, queste caratteristiche sembrano mancare nelle Gustaf, più propense/i a un approccio ironico/sarcastico, goliardico e cazzone. Lo stesso brodo di coltura che, in fondo, ha generato, su entrambe le sponde dell’Atlantico, anche loro colleghi contemporanei come V i a g r a Boys, Downtown Boys o Sheer Mag.

La “città che non dorme mai” ci ricorda che non si è mai troppo vecchi per essere lo-fi.

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Jim Jones All Stars, sei date in Italia

Reduce dall’infuocata performance estiva al Festival Beat di Salsmoggiore Terme, tornerà a farci visita in Italia a novembre Jim Jones, una delle figure più brillanti della scena garage rock mondiale (Thee Hypnotics, Black Moses, Jim Jones Revue, Jim Jones and the Righteous Mind) che calcherà

GRAHAM DAY AND THE GAOLERS – Reflections In The Glass

Se non ci fosse, bisognerebbe inventarlo, Graham Day: chitarrista, frontman e membro fondatore di diverse band, veterano polivalente jolly della scena garage rock revival esplosa in Inghilterra nei primi anni Ottanta (nonché collaboratore di un’altra leggenda vivente del garage rock britannico e mondiale, sua maestà/bassa