iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Tribes – Baby

Tribes - Baby: Descritti dai Mystery Jets come il futuro del rock'n'roll e reduci da una lunga lista di date, tour, premi e riconoscime...

Tribes – Baby

Descritti dai Mystery Jets come il futuro del rock’n’roll e reduci da una lunga lista di date, tour, premi e riconoscimenti vari della stampa cartacea e multimediale, è difficile non restare catturati dalla curiosità per il debutto dei londinesi Tribes, che arrivano all’esordio sulla lunga distanza dopo due EP.

In questo caso sarebbe ridondante acclamarli come ‘i nuovi…’, parlare di hype, delle varie influenze musicali e somiglianze, delle eventuali sonorità trite e già sentite o se ci potrà essere un futuro per il gruppo. Con sonorità dirette e spensierate a base di cori, una batteria sempre presente e chitarre vagamente vintage le premesse iniziali sembrerebbero buone ma, fin dal primo ascolto, è chiaro che il disco non riesce minimamente a rispettare le aspettative createsi intorno.

Finché il gruppo si muove all’interno della zona singolo, il disco funziona e anche abbastanza bene, soprattutto nel trittico di rappresentanza (già presente negli EP precedenti) composto da “We Were Children”, urlato pentimento delle bravate d’infanzia, “When My Day Comes”, dichiarazione d’intenti dalle forti influenze Libertines, e “Sappho”, punto più alto del lotto, dall’irresistibile ritornello sussurrato. A queste si potrebbe aggiungere anche il prologo “Whenever”, non propriamente definibile un singolo ma più vivace e orecchiabile rispetto agli altri pezzi presenti in scaletta. Le tracce più tranquille e malinconiche risultano invece goffe e, in alcuni casi, disastrose (soprattutto “Half Way Home” e “Himalaya”) mostrando chiaramente la loro funzione di ‘riempitivo’. Si salvano tirate per i capelli “Nightdriving”, lento e nostalgico lamento notturno, e “Corner Of An English Field”, che sembra arrivare direttamente da un disco di inizio decennio ma tutto sommato piacevole.

Pare proprio che questa volta i Mystery Jets ci abbiano visto male: al di là di qualche traccia interessante, il lavoro risulta povero di contenuti e basato su un sound piuttosto monotono e non ancora maturo. Una bocciatura sonora per un esordio che, se avesse qualche pezzo migliore in più, potrebbe raggiungere una dignitosa sufficienza.

1. Whenever
2. We Were Children
3. Corner Of An English Field
4. Half Way Home
5. Sappho
6. Himalaya
7. Nightdriving
8. When My Day Comes
9. Walking In The Street
10. Alone Or With Friends
11. Bad Apple

Voto: 5 e mezzo

Tribes-Baby

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Se Una Notte D’estate Al Berghain

Alla tenera età di 21 anni mi sono ritrovato, dopo varie vicissitudini legate al mio percorso di studi, a poter frequentare un corso di lingua a Berlino per tre settimane. Il Muro, i club techno, il divertimento, la birra che costa meno dell’acqua, le droghe leggere tollerate. Esatto, tutte queste cose e anche qualcosa di più. Se avete degli amici festaioli, vi sarete sicuramente accorti già da tempo che la nuova capitale tedesca ha soppiantato, piuttosto prepotentemente, la altre capitali europee, soprattutto per quanto riguarda scena musicale e vita notturna.

Cosmo – Disordine

Tutti gli addii fanno male. Per fortuna in questo caso ci si trova davanti a una rara eccezione: il disco di Cosmo, ovvero quel Marco Jacopo Bianchi caposaldo degli stessi Drink To Me che, dopo tre dischi in cui non mancava certo di cui entusiasmarsi, hanno deciso di mettersi in pausa. Dalle loro ceneri nasce appunto Disordine, spin-off solista della voce del gruppo, che si cimenta in una formula sicuramente non nuova, ma ancora poco sentita sul suolo nazionale.

Ivenus – Dasvidanija

Synth, pop e disagio, la formula magica de iVenus tenta a tutti i costi di piacere e ci riesce, sempre si riesca ad abbandonare ogni velleità.

Spotify

È passato poco più di un mese da quando il colosso londinese ha deciso di sbarcare anche in Italia con il suo programma tipo-iTunes-ma-in-streaming-e-gratis-ma-se-paghi-hai-roba-in-più. Chiunque abbia provato a installarlo e collegarlo al proprio profilo Facebook mi capirà, se dico che non è difficile entusiasmarsi. Gli adepti sono infatti cresciuti stabilmente giorno dopo giorno, andando a pescare da un pubblico piuttosto eterogeneo e non solo dai soliti hipster nerdeggianti che non si fanno scappare l’ultima supposta rivoluzione post-MySpace (di prima generazione).