Tongs – Fractal

Tongs – Fractal

I Tongs sono uno strano esperimento venuto fuori dalle piaghe pruriginose della nostra amata-odiata penisola.

Una band che mette in pratica una commistione di generi interessante e ambiziosa che ancora nessuno, dalle nostre parti, aveva ancora tentato fino in fondo. C’è del jazz dentro “Fractal”, giusto per dirne una. E del metal, di quello alternativo, pazzoide e un po’ progressivo di cui i Tool sono stati senza dubbio i migliori interpreti. C’è l’oscurità impenetrabile delle sperimentazioni sonore dei Einsturzende Neubauten, la schizofrenia dei Primus (ascoltate Fractal Anatomy e Wake Up, Get Up, Get Off) la precisa e matematica aggressività jazz-metal di marca Zu (Ziqqurat), qualche scivolone crossover-grunge (Sex In Sacristy, Wake Up, Get Up, Get Off) e la psichedelia rumorosa e intima dei Motorpsycho. Ah, dimenticavo, c’è pure Pierpaolo Capovilla, in Italian Politics, in una recitazione oscura e pericolosa sul tema “la ricetta della pizza” (e non solo).

Un bel mischione, davvero. A tratti si rischia pure di tirare un po’ troppo la corda, la schizofrenia artistica si fa malattia e si fatica non poco a trovare una linea conduttrice (Red Eye e Scarecrow’s Gasp) o una sistemazione pratica all’interno dell’orecchio famelico dell’ascoltatore. Il disco nel suo complesso, comunque, esce fuori orgoglioso, possente e maturo, forte di alcuni pezzi veramente ben costruiti (Ziqqurat, Fractal Anatomy, Insanity, Sex In Sacristy e Wake Up, Get Up, Get Off) nei quali i Nostri son riusciti a far convivere, senza che cozzassero, le anime jazz, alt-metal, math, psichedelica e alternative rock tenendo discretamente a bada la vena sperimentatrice. Il tutto, va detto, è suonato a volumi abbastanza alti da far male (e questo è un bene) e con una buona dose di maestria. Pollice in su.

TRACKLIST:
1. Ziqqurat
2. Fractal Anatomy
3. Insanity
4. Red Eye
5. Scarecrow’s Gasp
6. Sex In Sacristy
7. Meredemorte
8. Wake Up, Get Up, Get Off
9. Italian Politics

LINE-UP:
Carlo Garof: batteria, live electronics
Antonio Bertoni: basso, synth, voce
Jacopo Bertacco: chitarra, voce

tongs

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Madhouse – Secret antithesis

Terzo disco per i Madhouse capitanati dalla cantante cantante Federica Tringali e dal chitarrista Filippo Anfossi, il titolo è ” Secret antithesis” ed esce per Nadir Music. La proposta musicale dei Madhouse è un metal moderno e fresco, con rimandi gotici in alcuni passaggi.

Mudhoney, ad aprile il nuovo album. Condiviso il primo singolo

Dopo un silenzio discografico durato quattro anni (escludendo split singles e la ristampa espansa del 2021 per il trentennale di “Every good boy deserves fudge”, infatti, risale al 2019 l’ultima pubblicazione di materiale ufficiale, l’Ep “Morning in America”) tornano i Mudhoney

Still No One -This is fuel

Still No One -This is fuel: esordio discografico sulla lunga distanza per i trevigiani Still No One dal titolo “ This is fuel”, autoprodotto.

Casual Boots – Casual Boots

Casual Boots: a comporre questo ep fresco di uscita ci pensano quattro pezzi: l’agrodolce Flowers and Raindrops, la smithsiana Lost Things, la fiammata punk di Attitude (il mio brano preferito del lotto) e gli echi degli Housemartins  contenuti in Empty Room.