iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : The Thing – Boot!

Boot! È il free-jazz e il jazz d'avanguardia che flirtano prepotentemente con il noise

The Thing – Boot!

Avreste mai immaginato che un disco jazz potesse suonare furioso, tagliente e aggressivo come un disco noise-rock? No? Bè, allora riponete in un cassetto la vostra fervida immaginazione e apprestatevi ad ascoltare il nuovo lavoro dei Thing (il settimo, se ho fatto bene i conti), la creatura free jazz di quel geniaccio instancabile di Mats Gustafsson (già ascoltato, nel solo 2013, in “Last Exit” dei Fire! Orchestra e in “Enormous Door” di The Ex & The Brass Unbound).

Il buon Mats, accompagnato dai sodali di sempre Ingebrigt Håker Flaten (al doppio basso!) e Paal Nilssen-Love (a batteria percussioni e samples), si diverte a far vibrare, fibrillare e deflagrare le note del suo strumento, producendo un suono saturo, tagliente e anti-armonico che ha davvero molte cose in comune con una chitarra dedita ad incisioni e tagli noise rock.
A partire dalla bellissima India di John Coltrane, trasfigurata da un basso elettrico dedito a incantevoli rumorismi (ovviamente l’ascolto dell’originale è d’obbligo), passando per il mutevole e scivoloso crossover di Red River e fino a giungere alla lunghissima, oscura e violenta Epilogue, Boot! spiazza e disturba neuroni e condotti uditivi con un suono disarticolato, ruvido e possente che taglia e cuce momenti di rumore e free-jazz, improvvisazioni, stomp durissimi ed epilessi jazz-core, ergendosi maestoso, brillante e unico sulla pletora di dischi senza scorza che sovrappopolano l’asfittico e revivalistico mondo del rock contemporaneo.
Certo, ci vuole un po’ per entrare in sintonia con la musica, che a tratti finisce per urtare sin troppo la nostra sensibilità armonica, ma vi assicuro che alla fine, una volta che sarete riusciti nell’impresa, l’esperienza vi risulterà oltremodo appagante e ne uscirete col sorriso sulle labbra.

Tracklist:
1. India
2. Reboot
3. Heaven
4. Red River
5. Boot!
6. Epilogue

Line-up:
Mats Gustafsson – sax
Ingebrigt Håker Flaten – basso
Paal Nilssen-Love – batteria, percussioni, sample

Bandcamp

THE THING RECORDS

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Emma Tricca - Aspirin Sun_cover

Emma Tricca – Aspirin Sun

Emma Tricca – Aspirin Sun : «Aspirin Sun» è un disco mattutino: di folk psichedelico mattutino, forse un po’ insonne. È folk cinematografico, se mi passate il termine, ideale colonna sonora di un vecchio film

Deerhoof - Miracle-Level_cover

Deerhoof – Miracle-Level

Tolti i testi, di cui la maggior parte di noi non capirà un acca, la musica è quella dei Deerhoof che abbiamo imparato ad amare, appena appena più pop e diretta di quella fuoriuscita dalle prove precedenti, ma sempre piacevolmente unica e bislacca.

Pamplemousse - Think of It_cover

Pamplemousse – Think of It

Think of It è un disco noise rock in bianco e nero, analogico fin dalla coperta, costruito su fondamenta di accordi in minore, riff fuzzosi che si avvolgono e si svolgono in continuazione come quelli di chi sapete voi, accompagnati da un battito preciso e minimale, che dà un solido contributo a sostenere l’architettura e dare groove alla materia.

Tropical Fuck Storm - Submersive Behaviour_cover

Tropical Fuck Storm – Submersive Behaviour

È qui e richiede attenzione, perché i Tropical Fuck Storm hanno dimostrato più volte di saper far bene, di saper maneggiare il rock (alternativo, indie, noise, quello che volete) meglio di tanti altri – ma direi di quasi tutti.