iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Edward Sharpe E The Magnetic Zeroes – Here

Edward Sharpe E The Magnetic Zeroes - Here: Eccoci alla seconda prova per la coppia Alex Erbert e Jade Castrinos, accompagnati come al solito da una folta e sempre ...

Edward Sharpe E The Magnetic Zeroes – Here

Eccoci alla seconda prova per la coppia Alex Erbert e Jade Castrinos, accompagnati come al solito da una folta e sempre diversa schiera di musicisti, preceduta da un esordio che – seppur passato un po’ in sordina rispetto al suo forte potenziale – non poteva far a meno di strappare simpatie universali, grazie ad una serie di singoli irresistibili che non sbagliavano neanche un colpo. Here resta sempre in quelle atmosfere country tendenti al pop che non fanno altro che evocare cactus, deserto e sole.

I baccanali gioiosi e scoppiettanti dell’esordio sembrano però aver raggiunto la fine. Ora che la baldoria spensierata è terminata si deve tornare al villagio, alle occupazioni di tutti i giorni. Sulla strada del ritorno ci si concede ancora qualche malinconica litania dal sapore atavico e popolare (“The Man On Fire”, “Dear Believer” che nel finale si tradisce come epilogo della mai scordata Home, punta di diamante del precedente LP) e qualche momento di romanticismo (“Child”). Un ultimo sorso di acquavite e allegria al saloon per sciacquare via la polvere (“That’s What’s Up”, “One Love To Another”, entrambi due ottimi singoli), prima che la prospettiva cambi completamente.

Quindi lasciamo i nostri immaginari cowboy festaioli per spostarci sotto il sole accecante delle piantagioni di cotone, tra gli schiavi accaldati che alleggeriscono il duro lavoro cantando. Fanno la loro comparsa dunque sonorità blues a base di un pianoforte presente ed esagitato e ritornello in chiave blues (“I Don’t Wanna Play”). Come sempre accade quando il lavoro è troppo duro, la mente vola verso paradisiaci lidi lontani e le sonorità si fanno di conseguenza bizzarramente tropicali (“Mayla”). Il tutto chiuso poi dalla lenta ma, a suo modo, spensierata ballata “All Wash Out”, epilogo che coerentemente non tradisce la natura rilassata e velatamente tendente al malinconico dell’intero lavoro.

Mentirei dicendo che non sento neanche un po’ la nostalgia di quel tripudio di allegria e solarità che era stato l’esordio. Bisogna rendere atto agli Edward Sharpe & Magnetic Zeros però che, rimanendo praticamente sempre all’interno delle stesse macro-sonorità di matrice country, sono riusciti a cambiare registro e rallentare il ritmo, confezionando un disco che funziona pienamente – i momenti meno riusciti sono pochi e perdonabili – malinconia o meno per il predecessore.

1. The Man On Fire
2. That’s What’s Up
3. I Don’t Wanna Play
4. Mayla
5. Dear Believer
6. Child
7. One Love To Another
8. Fiya Wata
9. All Wash Out

Voto: 8 meno

Edward Sharpe & The Magnetic Zeroes

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Se Una Notte D’estate Al Berghain

Alla tenera età di 21 anni mi sono ritrovato, dopo varie vicissitudini legate al mio percorso di studi, a poter frequentare un corso di lingua a Berlino per tre settimane. Il Muro, i club techno, il divertimento, la birra che costa meno dell’acqua, le droghe leggere tollerate. Esatto, tutte queste cose e anche qualcosa di più. Se avete degli amici festaioli, vi sarete sicuramente accorti già da tempo che la nuova capitale tedesca ha soppiantato, piuttosto prepotentemente, la altre capitali europee, soprattutto per quanto riguarda scena musicale e vita notturna.

Cosmo – Disordine

Tutti gli addii fanno male. Per fortuna in questo caso ci si trova davanti a una rara eccezione: il disco di Cosmo, ovvero quel Marco Jacopo Bianchi caposaldo degli stessi Drink To Me che, dopo tre dischi in cui non mancava certo di cui entusiasmarsi, hanno deciso di mettersi in pausa. Dalle loro ceneri nasce appunto Disordine, spin-off solista della voce del gruppo, che si cimenta in una formula sicuramente non nuova, ma ancora poco sentita sul suolo nazionale.

Ivenus – Dasvidanija

Synth, pop e disagio, la formula magica de iVenus tenta a tutti i costi di piacere e ci riesce, sempre si riesca ad abbandonare ogni velleità.

Spotify

È passato poco più di un mese da quando il colosso londinese ha deciso di sbarcare anche in Italia con il suo programma tipo-iTunes-ma-in-streaming-e-gratis-ma-se-paghi-hai-roba-in-più. Chiunque abbia provato a installarlo e collegarlo al proprio profilo Facebook mi capirà, se dico che non è difficile entusiasmarsi. Gli adepti sono infatti cresciuti stabilmente giorno dopo giorno, andando a pescare da un pubblico piuttosto eterogeneo e non solo dai soliti hipster nerdeggianti che non si fanno scappare l’ultima supposta rivoluzione post-MySpace (di prima generazione).