W. Victor – Che Bella Cacofonia

W. Victor – Che Bella Cacofonia

A quattro anni di distanza da “Rotto”, il belga W. Victor ritorna sulle scene con i dodici brani di Che Bella Cacofonia. Il nuovo lavoro, incredibilmente curato per quanto riguarda gli arrangiamenti (a suonare con lui ci sono almeno altre dieci persone), esce per Ottokar Records, facendosi notare fin da subito per il suono squillante ed energico che lo caratterizza.

Il ritmo incalzante e festante di E Carnevale, venato di grottesco ed esagerato, riprende il Vinicio Capossela più folle ed espansivo, aprendo agli accattivanti inserti di ottoni di Gigolo John (su scuri tappeti fatti di basso) e alla vivace solarità folk/pop/rock della spigliata ed eccentrica Che Bella Cacofonia.
Sempre Canto Per Lei, più pacata e riflessiva, fra basso, fisarmonica e voce, lascia che a seguire sia la multiforme Perché (molto bello il piccolo assolo di basso nella seconda metà), mentre il piglio ballerino della frizzante e vibrante Taranbella, introduce il francese folk/punk privo di elettricità della sempre più veloce Azerty Uiop (oltre agli scatti energici della spagnoleggiante Après La Pluie).
Il procedere pesante e ben scandito de Il Mammut, invece, cede spazio sia al delicato avvolgere della morbida e calda Monte Carlo, sia ai due volti della spaventosa e rassicurante Tranquilize Me.
Il sudato muoversi di Un Giorno Così, infine, chiude il lavoro, con il suo cantato roco, scuro e, in fin dei conti, dannato.

I dodici brani presentati da W. Victor convincono e conquistano grazie alle buone scelte melodiche e all’ottima cura per quanto riguarda gli arrangiamenti. L’intero album, infatti, mescolando infiniti generi (dal folk, al pop, al blues, al jazz), risulta solido e corposo sotto tutti i punti di vista. Un lavoro variegato e ben strutturato che unisce in ottima maniera raffinatezza ed eccentricità. Un ascolto più che valido.

TRACKLIST
01. E Carnevale
02. Gigolo John
03. Che Bella Cacofonia
04. Sempre Canto Per Lei
05. Perchè
06. Taranbella
07. Azerty Uiop
08. Après La Pluie
09. Il Mammut
10. Monte Carlo
11. Tranquilize Me
12. Un Giorno Così

W.VICTOR – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.

Cosa resta del duemilaventidue

  Un altro anno se n’è andato, portandosi dietro le scorie di dodici mesi costantemente vissuti al di sotto delle nostre possibilità, castrati da un contesto sociale che non riusciamo a modificare in alcun modo. I sogni anche per questa volta sono rimasti tali, immutati

Tropical Fuck Storm - Submersive Behaviour_cover

Tropical Fuck Storm – Submersive Behaviour

È qui e richiede attenzione, perché i Tropical Fuck Storm hanno dimostrato più volte di saper far bene, di saper maneggiare il rock (alternativo, indie, noise, quello che volete) meglio di tanti altri – ma direi di quasi tutti.

Luca Ottonelli

Luca Ottonelli. E’ nato a Genova nel 1969 e ho completato i primi studi artistici avendo come maestro di Figura G. Fasce.