r.u.n.i.-ipercapnia in capannone k

Pubblicato il

Scritto da

secondo album per i R.U.N.I. (anche se nel loro bacheca sono gia’ presenti un MCD (“Nessun Paradosso”), un cd split (“La pianta movente”) e un cd remix (“La zuccha Polmonate”)). Fieri della provincia milanese, sono di Cernusco S/N, dopo 8 anno di sale prove, concerti etc.. sfornano il secondo cd fatto di 12 episodi, tutti molto interessanti devo dire. Immergendosi nell’ ascolto ci sembra di nuotare in un mare composto da una miscela di kraut-rock e post-punk sempre molto ben curata sia per quanto riguarda la registrazione cheper quanto riguarda la costruzione dei pezzi. Sono oltre 50 minuti di musica, non proprio godibile, nel senso che richiede molta attenzione per poter apprezzare tutte le sfumature che vi assicuro sono tante. Personalmente il disco mi e’ piaciuto anche se il “genere” (che brutta parola) dopo un po’ di stanca. Mi permetto comunque di consigliarlo a tutti perche’ penso che siano una delle poche realta’ in Italia che provano e riescono ad uscire dal solito tran-tran indie-punk tricolore.

No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

r.u.n.i.-ipercapnia in capannone k

Pubblicato il

Scritto da

secondo album per i R.U.N.I. (anche se nel loro bacheca sono gia’ presenti un MCD (“Nessun Paradosso”), un cd split (“La pianta movente”) e un cd remix (“La zuccha Polmonate”)). Fieri della provincia milanese, sono di Cernusco S/N, dopo 8 anno di sale prove, concerti etc.. sfornano il secondo cd fatto di 12 episodi, tutti molto interessanti devo dire. Immergendosi nell’ ascolto ci sembra di nuotare in un mare composto da una miscela di kraut-rock e post-punk sempre molto ben curata sia per quanto riguarda la registrazione cheper quanto riguarda la costruzione dei pezzi. Sono oltre 50 minuti di musica, non proprio godibile, nel senso che richiede molta attenzione per poter apprezzare tutte le sfumature che vi assicuro sono tante. Personalmente il disco mi e’ piaciuto anche se il “genere” (che brutta parola) dopo un po’ di stanca. Mi permetto comunque di consigliarlo a tutti perche’ penso che siano una delle poche realta’ in Italia che provano e riescono ad uscire dal solito tran-tran indie-punk tricolore.

No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.