Un debutto coi fiocchi che non potete perdervi

30 Condivisioni
Share

Il nuovo percorso intrapreso, incentrato su semplicità pop e immediatezza folk, si rivela fin da subito interessante e azzeccato

0 Condivisioni
Share

Un disco che riesce a convincere anche chi, come me, difficilmente apprezza l’hard rock. Complimenti

0 Condivisioni
Share

Un ottimo debutto che, prendendo il meglio dalla tradizione folk/cantautorale americana (sia passata che presente), vi conquisterà in un baleno

20 Condivisioni
Share

L’artwork pulito ed essenziale rimanda a una band fredda e impersonale, ma non abbiate timore e lasciatevi travolgere dal calore e dalla leggera emotività di questi undici brani

0 Condivisioni
Share

Se la band deciderà di pubblicare dischi con minutaggio maggiore, certamente dovrà concentrarsi sul variare maggiormente le soluzioni sonore, ma, per ora, tutto fila nel verso giusto

9 Condivisioni
Share

Un album di qualità che combina con intelligenza tematiche attuali con registri sonori di venti anni fa.

14 Condivisioni
Share

Il secondo capitolo dei Maleducazione Alcolica, nonostante non aggiunga nessuna novità per quanto riguarda sonorità o scelte stilistiche, si rivela piuttosto intrigante e riuscito

0 Condivisioni
Share

Provate a mescolare Nada Malanima e Peter Kernel e avrete ben chiaro che cosa propongono le Io E La Tigre

0 Condivisioni
Share

I sei brani di questo “Rapsodia Satanica”, oltre a donare una nuova veste alla pellicola del 1915, si rivelano anche un ascolto a sé stante decisamente interessante e coinvolgente

4 Condivisioni
Share

Il loro incrocio fra emo e post rock non sarà di certo innovativo, però è decisamente ben calibrato e curato

0 Condivisioni
Share

Se cercate un disco vivace e raffinato che disegni melodie non convenzionali (senza mai esagerare), questo delicato e coinvolgente “Red Hill”, vi regalerà molte gioie

0 Condivisioni
Share