Loss Leader – Songs About

I Loss Leader da Madrid, sono un trio formato alla fine del 2017, da Casta, Paula e Tote, tutti già nel giro punk diy della capitale castigliana.

Lagrù – Vegani al McDrive

Questi cinque ragazzi sono la dimostrazione che l’underground italiano e vivo e vegeto e ricco di artisti validi ed i Lagrù sono una di quelle band che non farà fatica a ritagliarsi un angolo di soddisfazioni.

Amelie Tritesse – Sangue di provincia

Dalla provincia italiana grande musica

SPAIN – MANDALA BRUSH

Musica eroica per questi tempi sghembi, la fattura pregiata di ogni brano schizza eroina negli occhi, sembra di rivivere le leggerezze di droghe decantate in passato, ma quello che stuzzica il mio appetito è l’alone marcato che crea questa band ‘out of time’, riuscendo a farmi sentire intensi odori d’incensi, acredine, riti mitici, totalmente in spirito free, slegati dalla formula che il prodotto deve sfondare forzosamente, si percepisce l’attitudine amorosa per certa musica da jam, collettiva, adagiati su un tappeto persiano a piedi nudi: la pillola folk, la contaminazione etnica strumentale, i meravigliosi cori e i raddoppi vocali, sono invincibili almeno quanto la batteria e la chitarra. Sofisticatissimi nell’entrare in posti così datati alla perfezione, beh, credo che possano in assoluto fare ancora meglio.

Jo Passed – Their Prime

Solo soluzioni brillanti, nessun passaggio a vuoto e tanta originalità, per un lavoro che lascerà dolcemente spiazzati e contenti.

Ratafiamm – Tourist You Are The Terrorist

C’è qualcosa nella musica dei Ratafiamm che te li fa adorare, forse perché fanno canzoni dal grande fascino e di classe.

Hot Snakes – Jericho Sirens

Velocità, incisività e tantissime ottime melodie, sia di chitarra che di voce, per un disco che stupisce moltissimo, ma non troppo se come detto poc’anzi se ne conoscono i protagonisti.

Cala Vento – Canciones de Sobra

Raramente un gruppo ha il dono di rendere interessante tutte le canzoni del disco, e qui i Cala Vento vanno oltre, perché rendono interessanti anche le canzoni escluse dall’uscita ufficiale, quelle che di solito non sono buone, e invece qui sono quasi meglio.

Lingue Sciolte – Neve

Fare indie rock non è facile, e ancora più difficile è farlo bene con cognizione di causa, esprimendo qualcosa che non siano sole pose pseudo esistenzialiste.

PIA FRAUS – FIELD CEREMONY

La maestria dei Pia Fraus sta nel rendere il dream pop un genere ancora accattivante e ricco di invenzioni, per cui i vari umori infusi nelle canzoni appaiano nuovi e appetibili ad ogni ascolto. Inglobando esperienza e maturità compositiva il bel FIELD CEREMONY allunga la vitalità di un gruppo che si affaccia alle pendici del mito.

Api Uiz – Peplum

Quinto album per gli Api Uiz trio Francese dislocato a Bordeaux in formazione dal 1995.

LAEDERBRAUN – ADE

A noi di In Your Eyes piace sperimentare, questa volta proviamo una doppia recensione, due visioni due approcci diversi allo stesso disco. Fateci pensare cosa pensate commentando questo post.