big trivella -dull roots

Pubblicato il

Scritto da

(Autoproduzione) I Big Trivella sono un terzetto di Cesena che ci propone 5 pezzi per un totale di 21 minuti.
Nelle note di accompagnamento dicono che il tutto è stato registrato in 9 ore e mezzo e avvertono che dopo il secondo brano ci sono tre minuti di silenzio e lo fanno usando una semplice penna biro a e me,anima semplice,mi basterebbe questo per renderli simpatici e meritevoli di attenzione.

Lo so che non ho ancora detto niente del disco ma per me l’attitudine è fondamentale e poi su In your eyes non subisco censure,quindi sopportatevi i miei sproloqui!
Ma,a parte le facezie,la band merita la mia e la vostra attenzione in quanto propone un gran bel suono saturo ma non privo di interessanti aperture melodiche dal quale si deduce la loro ammirazione per il grunge che infiammò parecchi cuori fra la fine degli anni ’80 e il decennio successivo e che,a quanto pare,miete ancora parecchi consensi.
I pezzi sono tutti di buona levatura ma,per comprendere meglio la mia definizione della proposta dei Big Trivella,vi consiglio di iniziare da “G.E.G”.
Seguono a ruota le non meno interessanti “Bury me” molto nirvaniana,”Womb with a view” che ricorda i Pearl Jam e “Layline” lento tipico dei secondi Soundgarden.
Mi si potrà eccepire che non si tratti di un album memorabile ma,a tale pretestuosa affermazione, risponderò dicendo che si tratta di un prodotto vero e onesto senza troppe menate intellettualoidi (oggi ne ho sentite pure troppe) che merita il massimo rispetto.

[email protected] http://www.myspace.com/bigtrivella

No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.