“What The World Needs Now” – tanto per rubare il titolo al nuovo album dei PIL – non è certo un nuovo album dei Rocket From The Tombs (e nemmeno uno dei PIL, se è per questo). David Thomas se ne fotte altamente, e ricomposta la band dopo le defezioni importanti di Cheetah Chrome e …

Condivisioni 11
Share

Il secondo disco dei Fuzz, power trio composto da Charles Moothart, Ty Segall e Chad Ubovich, è un vero e proprio mammut dalle fattezze heavy-psych

Condivisioni 24
Share

Dopo averci lisciato il pelo col bell’album omonimo dell’anno scorso, i Sultan Bathery tornano sul piatto con un bel 7 pollici in edizione limitata pubblicato dall’inseparabile Slovenly Recordings.

Condivisioni 58
Share

Rivelazione del 2014 con l’esordio lungo “More Than Any Other Day”, i canadesi Ought bissano sulla breve distanza con “Sun Coming Down”, nuovo LP uscito una decina di giorni fa per Constellation.

Condivisioni 11
Share

Il quinto capitolo della serie di split della Fuzz Club ci regala un incontro di sonorità psichedeliche, atmosfere dark e rumore bianco.

Condivisioni 9
Share

“Weekends Time” è la svolta garage pop dei People’s Temple, l’ennesimo camaleontico passo in avanti

Condivisioni 7
Share

Musical Garden riporta i People’s Temple in carreggiata a suon di copiose dosi di garage punk e psichedelia Nuggets

Condivisioni 10
Share

L’esordio dei Sultan Bathery è un mix infiammato e fuzzoso di garage rock e psichedelia con ascendenze orientali.

Condivisioni 0
Share

Il mancato esordio degli Hunt è un post-punk gotico che sfocia nell’hardcore.

Condivisioni 0
Share

11 pezzi scarni e veloci, che mirano dritti al bersaglio prendendo la strada più breve e brillano (chi più chi meno) per semplice e insana ruvidità.

Condivisioni 0
Share

How To Make A Monster dei Rebel Set è un viaggio orrorifico accompagnato da rozzi sputacchi garage surf

Condivisioni 0
Share

Boot! È il free-jazz e il jazz d’avanguardia che flirtano prepotentemente con il noise

Condivisioni 0
Share