Sixtynine – Denti


Recensione

Musica liquida ed accattivante con bei testi per questo gruppo campano. Salernitano.

I ragazzi hanno cominciato facendo qualcosa di simile al garage con testi in inglese, per poi ritrovate la madrelingua italiana, e ne hanno giovato molto. Le loro canzoni nascono in acustico e ciò si può capire ascoltando le loro canzoni.

Questo processo compositivo che aggiunge elementi man mano che la canzone cresce da in questo caso ottimi frutti. Denti è colmo di belle melodie, dolcezze ed amarezze, storie di vita rese in maniera molto particolare e valida. I Sixtynine si situano a pieno titolo nella tradizione melodica alternativa italiana, perché ciò che suonano non è propriamente rock, ma un qualcosa che ha una vita ed originalità propria.

Denti è la testimonianza di ciò che può fare un gruppo italiano con gran talento e tante cose da dire, è la descrizione musicale delle nostre vite. C’è poco di salvifico in questo disco, se non la musica e la nostra volontà di fare. Ascoltando brani come Salvami si rimane francamente stupiti della sincerità e capacità del gruppo, a maggior ragione in questo panorama davvero desolante in quanto a sincerità.

Un disco composto ed eseguito davvero bene, dove tutto è a suo posto, dove ci sono che fanno bene e cose che fanno male, come quando fuori da quella porta.

TRACKLIST
1- MI SVEGLIO
2- NÈ SANGUE NÈ CORPO
3- SEROPRAM
4- RUGGINE (feat. The Winstons)
5- PERDONARE
6- DENTRO
7- SALVAMI
8- UN ALTRO MURO

LINE-UP
Guido Lettieri: voce, chitarra ritmica
Roberto Marino: chitarra, lapsteel
Domenico Pascale: batteria, percussioni
Diego Rossomando: basso

VOTO
7

URL Facebook
http://www.facebook.com/69Acoustic

Condivisioni 27

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *