Posts in tag

progressive



Orange Car Crash è il nuovo progetto solista di Andrea Davì, già batterista per Lay Llamas, Mamuthones e co-fondatore del collettivo musicale The Beautiful Bunker. Il sound del gruppo parte da interessi di tipo etnomusicologico per poi spaziare attraverso le atmosfere più tipiche della psichedelia americana ed europea.

0 44

Un’opera psycho prog notevolissima ed interesantissima, che con elementi antichi propone qualcosa che il digitale non potrà mai far nascere, ovvero la potenza della musica che si lega ad una narrazione già di per sè incredibile.

0 25

Alcuni momenti dell’opera appaiono lievemente macchinosi e più difficili da metabolizzare, ma non per questo la bellezza dell’insieme viene messa in discussione

0 7

Ne esce un sound che nel suo essere stupendamente vintage mantiene un’originalità concettuale altissima

1 0

Una band, nata appena tre anni fa, che elabora a suo modo il metal estremo, si spolvera di dosso ogni accostamento possibile ed immette sul mercato il suo secondo lavoro, arrivando in poco tempo ad una maturazione compositiva completa.

0 7

Un ottimo esempio di musica ariosa e sognante, dove il tempo si ferma per darci modo di farci cullare dalle melodie che il gruppo riesce a creare

0 8

Un’opera di una bellezza disarmante da parte di un quintetto di musicisti preparatissimi, con un songwriting che avvicina la band ai nomi di rilievo del metal mondiale di stampo classico

0 13

I non pochi estimatori dei Blood Ceremony e del sentire musicale che essi rappresentano non potranno che apprezzare l’operato dei Völur, brillanti nell’evocare sensazioni ancestrali con questa riuscita miscela di folk, ambient, doom e progressive.

0 2

Un album che, pur tra qualche imperfezione, convince e lascia nell’ascoltatore la sensazione di essere al cospetto di una band con ancora molti margini di miglioramento.

0 1