Posts in tag

elettronica



L’elettronica di Birø è molto oscura e serve perfettamente allo scopo di provare a descrivere cosa succede sotto i nostri neon e nelle foreste della nostra vita, e non è facile.

A volte non è così semplice classificare una band secondo generi musicali prestabiliti e molto spesso non se ne vede il bisogno, ci sono realtà che giocano a favore di questa teoria, un esempio sono gli OvO che tolgono tutti dubbi sulla tipologia del genere che esprimono, escono dai soliti canoni fondendo insieme generi musicali come il noise, il rock e l’elettronica.

Cleo T. in coppia col produttore Rodion lanciano in nell’orbita terrestre il frutto di una proficua ed interessantissima collaborazione che lascia stupiti per intelligenza e valore creativo; questa opera totale abbraccia molti aspetti culturali e tecnici, mettendo l’ascoltatore davanti ad una genialata pop in divenire. Impossibile sottrarsi all’ascolto.

Blanck Mass apre la serratura a doppia mandata delle porta del suo tempio labirintico spingendoci dentro l’ascoltatore e richiudendogli la porta alle spalle, lo costringe a girovagare tra questi epici e solenni muri di suono caratterizzati da loop, voci spezzate e ritmi a volte forsennati.

Questo disco ha moltissime incursioni in territori elettronici, tra house, jungle e drum and bass si riesce sempre a ricreare la magia del suono Dreadzone, che porta avanti la grande tradizione inglese della commistione di suoni e generi che si ritrovano sull’asfalto, perché questa è vera urban music.

Il podcast Guestmix è vivo, e batte un colpo con un nuovo mix dopo il fantastico episodio ad opera del grande duo tedesco Drumcomplex. Per il 34° episodio andiamo a ripescare nell’underground, un artista scoperto da alcune uscite per un’etichetta tedesca che propone un’elettronica interessante e varia, la Broque Records. Ucleden, nome d’arte in scrittura …

Mettete nello shaker sonorità anni ’80, un po’ di funk , synth e tropical beat, agitate bene e avrete uno splendido cocktail dal nome N-A-I-V-E-S da servire nei vostri riproduttori musicali preferiti.

Importante pietra miliare il nuovo “Themes For Dying Earth” che riporta il progetto Teen Daze ad atmosfere più ambient e di fattura elettronica proprie degli esordi, senza dimenticare il bagaglio di esperienze maturate col precedente lavoro ove la componente elettronica era in sordina rispetto alla canzone.

V.A.- SAMMLUNG. ELEKTRONISCHE KASSETTENMUSIK DÜSSELDORF 1982-1989

Da qui nasceranno molti bei stili musicali come il drone e l’ambient, che hanno fatto se non le scuole dell’infanzia, almeno le scuole elementari a Düsseldorf, altissima creatività in grande fedeltà sonora,

L’intero disco, escluso qualche piccolo momento di fiacca, si fa notare per la buona qualità complessiva e per la presenza di almeno un paio di fiori all’occhiello

Katsuhiko Maeda ritorna e lo fa con un disco bellissimo, imprescindibile per gli amanti della sperimentazione elettronica giapponese