Posts in tag

cantautorale



Indolenza, cinismo e poesia per fortuna non perfettamente a fuoco sono le caratteristiche principali di questo cantautore che propone con nonchalance un repertorio molto vasto che deriva direttamente dalla scuola genovese.

Condivisioni 12
Share

Qui si respira il vero folk, nel senso di musica popolare, concetto che subisce molti attacchi al giorno d’oggi, perché non si conforma ai dettami imperanti di nulla cosmico che deve essere veicolato attraverso la musica.

Condivisioni 30
Share

Ci si deve buttare dentro a questo disco di disillusione e di enorme fiducia, perché l’eppure è un qualcosa che ci spinge comunque dentro le gioie più grandi o i peggio disastri.

Condivisioni 51
Share

Preziosa testimonianza di una profondità e di una sensibilità artistica e musicale davvero sorprendente.

Condivisioni 37
Share

Nato a Catania, e non potrebbe essere altrimenti, arriva Nico Gulino, con un disco che è un bastimento con il quale scappare per andare ad inseguire nuvole e donne senza successo, ma solo per il piacere della ricerca. Gulino e soci hanno fatto un disco che lo metti su e via, ci si isola e …

Condivisioni 124
Share

E’ molto forte la presenza della sincerità cantautorale partenopea, e come dicono loro gli piace pisciare un po’ ovunque fuori dal cesso e dal seminato, che poi sarebbe la missione della musica, almeno quella che vorrebbe ambire a provarci.

Condivisioni 16
Share

La voce del cantautore è molto limpida e si imprime con forza sulle parole, entrando subito in conflitto con esse, e da questa lotta ne nascono composizioni che sono uniche, resistenti e fortemente umane.

Condivisioni 3
Share

In culo, il tutto con grande talento e stile. Unòrsominòre smentisce Manuel Agnelli ( che ha ragione solo in parte perché in Italia c’è un sottobosco che funziona benissimo), facendo musica davvero interessante e viva, minimale o scattante a seconda delle esigenze, ma sempre carica di contenuti e di immagini.

Condivisioni 35
Share

Ganja è una delle cose più notevoli uscite ultimamente in campo psichidelico, ora sembra i Doors, poi un gruppo inglese anni ottanta novanta, poi spruzzi di Battiato ( citato tra le sue influenze ), e poi un cambio ulteriore, sempre fatto con classe e consapevolezza.

Condivisioni 15
Share

L’elettronica di Birø è molto oscura e serve perfettamente allo scopo di provare a descrivere cosa succede sotto i nostri neon e nelle foreste della nostra vita, e non è facile.

Condivisioni 14
Share

Uno split bellissimo, alfiere della cospirazione do it yourself dentro e fuori, di amicizia e solidarietà musicale e non solo, il tutto per produrre un qualcosa di gran valore, musica libera e liberatoria.

Condivisioni 33
Share

Arriva il disco di Roma, la secolo Vincenzo Romano da Eboli, notevole cantautore rock indie. Nel 2004 Vincenzo fondò i C.a.t.t.u.r.a. , gruppo che arriva anche al Mei del 2207, e che rappresenta la prima esperienza musicale per lui. Il gruppo si sciolse nel 2008 e da lì Vincenzo scrisse musica e canzoni che poi …

Condivisioni 9
Share