Posts in tag

cantautorale



E’ un lavoro che al primo ascolto forse potrebbe rimanere distaccato dall’ascoltatore, ma abbiate il coraggio di ascoltarlo con attenzione e vi accorgerete che Watercolor non è nient’altro un amico che vi chiede di fare una passeggiata per raccontarvi la sua vita, passando da aspetti bui a momenti di serenità, a chi non fa piacere ascoltare un buon amico confidarsi?

“Ramingo” è un disco che ha una peculiarità, mentre sembra che ti lascia indifferente, ti ha già segato in più pezzi come la spada di Goemon Ishikawa XIII 十三代目石川五右衛門

Con Apotheosis alcune teste si troveranno a casa, ascoltando queste rime che viaggiano in una dimensione parallela, diventando narrazione in spirito, fortissima volontà di impotenza.

Caboto - Hey Caboto

Ascoltare Caboto potrebbe essere una bella storia d’amore senza complicazioni, con semplicità, tovaglie a quadretti e qualcosa di molto piacevole da sentire.

Denti è colmo di belle melodie, dolcezze ed amarezze, storie di vita rese in maniera molto particolare e valida.

Un debutto splendente quello di Molly Burch, debutto che la proietta immediatamente nel firmamento della cantautorale / alternative-country a stelle e strisce

Il debutto di Fulvio Bozzetta, decisamente curato per quanto riguarda arrangiamenti, melodie e scelte stilistiche, convince in ogni occasione

Ci sono le idee, c’è l’ispirazione, c’è la personalità e ci sono degli ottimi musicisti a dare una mano. Non ascoltarlo sarebbe un delitto.

Un cantautore elettronico, elettrizzante, fuori dagli schemi e dalle logiche, una bella scommessa del panorama indie.

Stupefacente è la dimostrazione che si può fare musica diversa in maniera intelligente e forte, con gusto ed originalità, senza stare a guardarsi alle spalle, ma solo davanti cercando un’altra storia sul marciapiede di fronte.

Un’esplorazione nella fisicità di corpi e sentimenti, accompagnata da un buon lavoro musicale