I Bloodhounds, gruppo shoegaze australiano, propongono un secondo EP che è un trip già percorso e ripercorso

Condivisioni 2

I Descendents, con Hypercaffium Spazzinate, fanno sempre lo stesso genere, per fortuna.

Condivisioni 8

Mi accingo a scrivere ora e su questo per caso, perché mi sono ritrovato a pensare che ormai sono sufficientemente freddo su ciò che è accaduto tempo fa.

Condivisioni 9

I Flower Girl: semplici, colti e fastidiosamente pop. Tuck In Yer Tie-Dye! ciondola verso di noi, chiedendo attenzioni.

Condivisioni 1

TODO MODO PARA BUSCAR L’ORCHESTRA Tutti noi necessiteremmo di uno Zafér di fiducia presso il quale versare secchiate di rigetto spirituale, a mondar un’anima che storture ne terrebbe senz’altro; come la vecchia storia dei fiori alla propria amata che trova da sé il motivo per cui scusarvi di volta in volta. I Fuzz Orchestra ti …

Condivisioni 7

I finlandesi Monsternaut escono allo scoperto dopo due EP in sordina con un lavoro stoner/space rock assolutamente convincente, nello stile brado e consapevole del garage-heavy scuola Kyuss e Fu Manchu

Condivisioni 9

I Fabrik Fabrik, tedeschi, debuttano con un disco hardcore punk poco spigoloso con echi emo/post-hardcore

Condivisioni 8

Ristampa del perduto vanto italiano “Verde Machu Picchu” del 1987″, LP di jazz-rock peruviano registrato nella penisola

Condivisioni 25

Il mondo è sempre spaccato, il governo se ne fotte e la gente crepa. Nulla che non sappia di già sentito, ma il sentirlo dire da PJ Harvey è sempre un bel ripasso, via.

Condivisioni 10

Il Live Music Club di Trezzo sull’Adda ha ospitato in data 4 settembre 2016, lo zoccolo duro dell’espressione alternativa femminile di fine Ottanta assieme alle “cugine” Babes in Toyland e Gits: le L7, realtà ricostituitasi un paio d’anni fa nel team che tutti quanti ricordano (Suzanne Gardner e Donita Sparks a percuotere le chitarre, più …

Condivisioni 17